La casetta di pan di zenzero: come si fa?

Per me Natale non è Natale senza la tradizionale (per gli USA) casetta di pan di zenzero, che ormai cerco di preparare tutti gli anni. Col tempo ho affinato la tecnica e mi sono divertita a provare diverse decorazioni e diverse architetture. Ma come si fa una casetta di pan di zenzero?

Costruire una casetta di pan di zenzero non è impossibile, ma richiede tempo e soprattutto una cosa fondamentale: pazienza. Tanta, tanta, tanta pazienza. Tanta.

Casetta di pan di zenzero con caramelle
Però alla fine il risultato rischia di essere questo!
Ingredienti
Per l’impasto
  • 250 gr di zucchero di canna
  • 250 gr di miele
  • 2 ctè di cannella in polvere
  • 2 ctè di zenzero in polvere
  • 1 pizzico di noce moscata in polvere
  • 180 gr di burro
  • 1 bustina di lievito in polvere
  • 1 kg di farina setacciata
  • 1 pizzico di sale
  • 2 uova
Per tenere assieme le pareti della casetta
  • 100 gr di cioccolato fondente
Per la glalassa
  • 2 albumi
  • 300 gr di zucchero a velo
  • vanillina o succo di limone
Fiocchi di neve di pan di zenzero
Questo stesso impasto è perfetto anche per fare i biscotti!
Come si fa?

Versiamo lo zucchero di canna e il miele in un pentolino abbastanza capiente e mettiamo tutto sul fuoco a fiamma bassa. Mescoliamo fino a quando lo zucchero non si è sciolto un po’.

Quando lo zucchero e il miele saranno una pasta mescolabile, aggiungiamo il burro tagliato a dadini e continuiamo a mescolare per farlo sciogliere. Ora è il momento delle spezie! Possiamo aggiungerne a gusto personale, abbondare o metterne di meno in base a come preferiamo. Per questo passaggio io di solito uso una frusta per far sciogliere meglio le spezie in polvere.

Lasciamo tutto sul fuoco a fiamma bassa fino a ebollizione. Quando la crema comincia a bollire, la togliamo dal fuoco e la facciamo raffreddare.

Nel mentre, setacciamo la farina e aggiungiamo un pizzico di sale.

Gingerbread men e fiocchi di neve
Omini di pan di zenzero!

Aggiungiamo il lievito in polvere al mix di miele, zucchero e burro. Se il mix non è a temperatura ambiente, è possibile che si gonfi all’aggiunta del lievito: nessun problema, basta farci attenzione.

Versiamo la crema sulla farina e cominciamo a impastare. Aggiungiamo le uova e continuiamo a impastare fino a quando non otteniamo una palla di impasto liscia.

Se l’impasto è troppo secco e non riusciamo a maneggiarlo, possiamo bagnarci le mani con dell’acqua calda e provare a impastarlo così, oppure aggiungere un altro uovo (attenzione a non renderlo troppo morbido!).

Avvolgiamo l’impasto nella pellicola trasparente e lo mettiamo in frigorifero per almeno un’ora a riposare. In alternativa, possiamo infilarlo in un sacchetto di quelli da freezer e congelarlo.

Parti della casetta di pan di zenzero
Pronta per la costruzione!

Viene ora la parte da veri architetti: decidere che forma dovrà avere la nostra casetta. Possiamo scegliere una forma classica e relativamente semplice da fare, oppure sbizzarrirci e costruire castelli o casette in stile vittoriano o mille altre cose ancora. Basta fare un salto su Pinterest per farsi un’idea.

Per la prima volta è meglio restare su una struttura classica e abbastanza semplice da far stare in piedi. Ho preparato un PDF stampabile per creare delle sagome di carta delle varie parti della casetta: è scaricabile qui. L’unica cosa che manca a questo modello è una base piatta su cui costruire la casetta, ma per quella basta davvero una fetta tonda gigante di impasto, senza essere particolarmente precisi.

Ci sono due modi in cui si può decidere di operare a questo punto:

  • tagliare l’impasto da crudo e infornare le varie parti della casetta;
  • cuocere l’impasto steso e ritagliare le forme della casetta quando l’impasto è cotto ma ancora caldo e tenero.

Ho provato entrambi i metodi e devo dire che trovo più comodo il primo, anche se poi i bordi vengono un po’ irregolari.

L’impasto cuoce a 180°C in forno statico fino a doratura dei bordi. Si indurisce quando si raffredda.

Casetta di pan di zenzero pronta per essere montata
Le parti di questa casetta di pan di zenzero sono state tagliate dopo la cottura e decorate prima della costruzione.

Una volta che le varie parti della nostra casetta sono pronte e fredde, è il momento della costruzione. Bisogna armarsi di tanta pazienza. L’ho già detto, no? Tanta, tanta, tanta pazienza.

Tagliamo il cioccolato a pezzetti e poi lo sciogliamo a bagnomaria su fiamma bassa. Per evitare che solidifichi mentre lavoriamo, è meglio tenerlo a bagnomaria in acqua calda anche dopo che si è sciolto.

Molti usano la glassa come cemento per tenere in piedi la propria casetta, altri preferiscono utilizzare lo sciroppo di zucchero. Io mi trovo bene con il cioccolato fuso: si scioglie molto facilmente (a differenza dello sciroppo di zucchero, che ha diversi stadi), solidifica in fretta e una volta indurito è super resistente!

Per spalmare il cioccolato sciolto uso un semplice coltello con la punta arrotondata e bella piatta. Una spatola va benissimo, ma se è troppo grande rimane poco precisa. Ho provato a usare una tasca da pasticcere con una bocchetta molto fine, oppure un conetto di carta forno, sperando di riuscire a fare un lavoro di fino, ma il risultato non è stato dei migliori.

In genere la costruzione di una casetta di pan di zenzero va a stadi:

  1. la parete frontale o la parete posteriore viene attaccata a una delle pareti laterali;
  2. le due pareti così unite vengono attaccate alla base (e staranno in piedi senza troppi problemi!);
  3. vengono aggiunte una dopo l’altra le altre due pareti;
  4. si passa al tetto, prima un lato e poi l’altro, facendo molta attenzione a non farlo scivolare;
  5. quando tutto è ben saldo, si decora!
Casetta di pan di zenzero con marshmallows
Variante con marshmallow sul tetto!

Il problema del cioccolato sciolto è che prima di indurirsi è davvero liquido, quindi bisogna armarsi di filosofia zen e reggere le varie parti della casetta fino a quando non stanno su da sole. Meglio aspettare ad assemblare la parete successiva e accertarsi che tutto regga piuttosto che fare di fretta e ritrovarsi con muri di pan di zenzero che cadono quando si cerca di appoggiare il tetto. Parlo per esperienza.

Per la decorazione io mi affido ciecamente alla glassa tipo meringa: sbatto gli albumi con lo zucchero a velo fino a quando la glassa non raggiunge la consistenza desiderata. Bisogna tenere a mente che più zucchero è contenuto nella glassa, più facilmente e velocemente si indurirà; ma più è densa la glassa, più fatica farà a uscire da una bocchetta per tasca da pasticcere molto fine.

Possiamo decorare la casetta come più preferiamo. Possiamo aggiungere caramelle (usando la glassa o lo stesso cioccolato sciolto per attaccarle alla casetta), spolverare il tutto con dello zucchero a velo, disegnare le finestre e la porta, fare quello che vogliamo.

In qualsiasi modo decideremo di decorarla, la nostra casetta di pan di zenzero sarà comunque meravigliosamente stupenda e buona!

Casetta di pan di zenzero illuminata
Casetta di pan di zenzero con le finestre di vetro di zucchero e dei lumini elettrici dentro!
CI SONO ANCHE DELLE VARIANTI!
  1. Possiamo fare il tetto con i marshmallow: tanti spiedini di marshmallow appoggiati sulle pareti al posto del tetto in biscotto (occhio che gli spiedini rotolano!).
  2. Possiamo fare le finestre in vetro di zucchero: cuociamo le pareti con i buchi per le finestre e le stendiamo su una teglia foderata di carta forno; a parte prepariamo dello sciroppo di zucchero (100 gr di zucchero, 40 ml di sciroppo di glucosio e 60 ml di acqua in un pentolino su fiamma bassa fino a raggiungere i 150°C misurabili con un termometro da zucchero) e lo facciamo colare nelle finestrelle; quando indurirà, lo sciroppo sembrerà vetro!

Infografica come si fa la casetta di pan di zenzero


Se non vuoi perderti neanche un articolo, iscriviti alla newsletter! Non dimenticare di seguirmi anche su Facebook e su Instagram! E se ti è piaciuto questo articolo, perché non condividerlo?

2 Commenti

Cosa ne pensi?