Come scegliere l’ostello per un viaggio fai da te

Quando si organizza un viaggio fai da te si finisce inesorabilmente a dover scegliere dove dormire: tra ostello, albergo e appartamento, l’ostello è spesso l’opzione più economica. Ma come si sceglie l’ostello per un viaggio fai da te?

Come scegliere l’ostello per un viaggio fai da te

Cosa troverai in questa miniguida?

ℹ️ Potrebbe interessarti: Ode agli ostelli

Capsule Hostel, Siem Reap
Ostello a Siem Reap, Cambogia.

Perché scegliere di dormire in ostello?

Habitat naturale del backpacker, l’ostello viene spesso scelto da altre categorie di viaggiatori grazie ai suoi prezzi spesso e volentieri piuttosto contenuti e comunque quasi sempre inferiori all’albergo e agli appartamenti in affitto.

Scegliere di dormire in ostello comporta una serie di pro, ma anche una serie di contro. In linea di massima, si sceglie l’ostello perché si abbraccia la sua filosofia: la quasi totale assenza di privacy, la condivisione degli spazi, la praticità di avere una cucina a propria disposizione, l’alto rischio di azzopparsi cadendo dalle scalette assassine dei letti a castello.

I pro e i contro dell’ostello

I pro dell’ostelloI contro dell’ostello
• di solito costa poco e a volte può costare veramente poco;
• per chi viaggia in solitaria è ottimo per conoscere gente nuova;
• c’è la cucina, quindi si può cucinare e risparmiare ancora di più;
• spesso vengono organizzate serate a tema con cibo a volte gratis e tour a prezzi contenuti.
• spesso si dorme in dormitori con almeno tre altre persone;
• i bagni sono spesso e volentieri in comune, in alcuni casi misti;
• l’igiene degli spazi comuni dipende molto anche dai coinquilini;
• nei dormitori ci sono quasi sempre letti a castello, che spesso e volentieri scricchiolano.

Dove cercare l’ostello giusto

Il luogo migliore in cui cercare e trovare l’ostello giusto per un viaggio fai da te è ovviamente la rete.

Su Internet si trova un gran numero di siti di prenotazioni: alcuni più generici e altri specializzati in ostelli. Eccone alcuni:

Quando si cerca un ostello online è utilissimo leggere le recensioni e i commenti di chi ci è già stato e dare un’occhiata alle fotografie pubblicate dall’ostello stesso, in modo da farsi un’idea degli spazi. I commenti degli ospiti sono in particolar modo preziosi, perché aiutano a capire se quell’ostello fa per noi: se molti lamentano una scarsa igiene e per noi l’igiene è fondamentale, allora quell’ostello non sarà la nostra prima scelta.

Alcuni ostelli, soprattutto quelli che fanno parte di catene di ostelli sparse per il mondo, hanno il proprio sito Internet dal quale è possibile prenotare direttamente un posto letto. Prenotare direttamente sul sito dell’ostello può a volte essere più conveniente, ma non sempre le condizioni di cancellazione sono le stesse offerte dai grandi siti di prenotazioni.

Dopo il proprio soggiorno in ostello, è buona abitudine lasciare un commento sulla struttura, positivo o negativo che sia: aiuterà altri viaggiatori a scegliere l’ostello giusto per loro!

Castle Rock Hostel, Edimburgo
Ostello a Edimburgo, Scozia.

Cosa cercare in un ostello

La tipologia di dormitorio

In genere i dormitori di un ostello ospitano almeno quattro persone. Più grande è il dormitorio, e quindi più persone vengono ospitate, meno costa il posto letto per una notte. Non sono affatto rari i dormitori da dieci o dodici persone; un po’ più rari quelli che ne ospitano più di venti.

I dormitori possono essere misti o solo femminili, per le viaggiatrici che preferiscono non condividere i propri spazi con l’altro sesso.

In base ai propri compagni di viaggio potrebbe essere preferibile un dormitorio misto numeroso a uno femminile, o viceversa. Oppure si potrebbe cercare un ostello che offra camere più piccole, magari doppie, triple o addirittura familiari.

Le camere singole, doppie o familiari

Alcuni ostelli dispongono di camere singole, doppie o addirittura familiari: tutto dipende dal tipo di clientela. Le camere familiari sono spesso camere quadruple con un letto a castello e un letto matrimoniale e sono meno comuni di quelle singole o doppie. In alcuni ostelli è possibile trovare camere triple, ma non sono molto frequenti.

ℹ️ Potrebbe interessarti: 5 tipici coinquilini di ostello

Le aree comuni

In un ostello le aree comuni sono generalmente almeno tre: sala comune con divani e magari TV, cucina con spazio per mangiare, bagni con docce.

Alcuni ostelli offrono più aree comuni, altri hanno cucine molto spaziose che ospitano anche divani e TV. In alcuni casi la cucina è piccolissima.

I bagni sono quasi sempre comuni a tutto il piano, solitamente divisi in maschili e femminili e solo in alcuni casi e in alcune parti del mondo misti (spesso c’è comunque almeno un gabinetto e una doccia solo per le donne). Può a volte capitare di avere il bagno privato in camera, ma è raro: viene comunque sempre precisato al momento della prenotazione.

La posizione

Il bello degli ostelli è che spesso si trovano in posizioni centralissime e riescono comunque a mantenere prezzi ragionevoli.

Al momento della prenotazione, è importante capire dove si trova l’ostello d’interesse e soprattutto quanto dista dai luoghi che si intende visitare; ma non solo: se si viaggia con i mezzi pubblici è utilissimo avere un ostello non troppo distante da fermate del bus e stazioni dei treni.

Gli ostelli ospitano in genere backpacker che si muovono con lo zaino e con i mezzi pubblici, quindi non è raro trovarne in prossimità di stazioni o fermate di autobus e metro.

Praticamente ogni sito di prenotazioni permette di effettuare una ricerca utilizzando la mappa, in modo da avere un’idea della posizione degli ostelli e di fare una scelta ragionevole in base alle proprie necessità o preferenze.

Meglio ricordare una cosa: un ostello periferico può avere prezzi stracciati, ma se per raggiungerlo è necessario cambiare due autobus e si pensa di doverlo fare ogni giorno per andare in centro, la differenza di prezzo con gli ostelli più centrali viene rapidamente coperta dal prezzo dei biglietti del trasporto pubblico. Inoltre, non in tutte le città il trasporto pubblico è operativo a tutte le ore del giorno e soprattutto della notte.

Cucina dell'ostello a Turangi, Nuova Zelanda
Cucina di un ostello in Nuova Zelanda.

I servizi

Al momento di scegliere l’ostello per un viaggio, è bene fare caso ai vari servizi che l’ostello di interesse offre ai propri ospiti. Ci sono servizi che sono comuni a tutti gli ostelli, altri invece più rari.

Biancheria e prodotti per il bagno

In tutti gli ostelli le lenzuola per il letto sono incluse nella prenotazione, ma non sempre si trova il letto già fatto: a volte le lenzuola vengono consegnate al check-in e sono da restituire al check-out. Gli asciugamani sono invece spesso esclusi dalla prenotazione ma noleggiabili in loco a prezzi solitamente molto contenuti.

I prodotti per il bagno non sono quasi mai offerti, ma alcuni ostelli hanno delle vaschette in cui gli ospiti possono lasciare prodotti quasi finiti che non intendono portarsi dietro e che possono donare ai prossimi ospiti. Il phon è presente in quasi tutti gli ostelli, ma a volte è da richiedere in reception e non in tutti i Paesi è possibile utilizzarlo nel bagno.

Wi-Fi, sala comune e cucina

Ormai tutti gli ostelli del mondo hanno il proprio Wi-Fi, sempre incluso nella prenotazione. Alcuni ostelli dispongono di computer per gli ospiti che ne avessero bisogno.

Quasi ogni sala comune di ostello ha la propria TV, e moltissime hanno una o due chitarre acustiche che gli ospiti possono strimpellare nel rispetto della pace altrui. Ogni ostello ha un deposito in cui gli ospiti possono lasciare i propri bagagli per qualche ora il giorno del check-in e il giorno del check-out: è bene ricordare che questi depositi sono semplicemente chiusi a chiave, quindi non bisogna mai lasciare nulla di valore nel bagaglio.

La cucina ha sempre frigorifero, tostapane, fornelli, microonde, posate, piatti, scodelle, pentole e una dispensa in cui gli ospiti possono lasciare il proprio cibo accuratamente etichettato con nome, camera e data del check-out.

Extra

Se si sta viaggiando in auto, è utile sapere se l’ostello ha un posto auto: alcuni ce l’hanno, ma non tutti—soprattutto quelli in città.

Alcuni ostelli offrono inoltre un’area lavanderia con lavatrici e asciugatrici a gettoni e ferro di stiro. Il detersivo è spesso acquistabile direttamente in ostello, ma è anche possibile utilizzare il proprio.

Quasi sempre a ogni letto è assegnato un armadietto nel quale è possibile mettere il proprio bagaglio—quando l’armadietto è abbastanza grande—o comunque i propri documenti ed effetti personali che non si vuole lasciare in giro. Raramente questi armadietti dispongono di un lucchetto proprio: è quindi utilissimo viaggiare sempre con un lucchetto, meglio se a combinazione.

Panorama dalla finestra a Kaikoura, Nuova Zelanda.
Panorama dalla finestra di un ostello a Kaikoura, Nuova Zelanda.

L’ambiente dell’ostello può piacere o non piacere, ma chi lo apprezza sa che si troverà come a casa in qualsiasi ostello del globo.


Se non vuoi perderti neanche un articolo, iscriviti alla newsletter! Non dimenticare di seguirmi anche su Facebook e su Instagram! E se ti è piaciuto questo articolo, perché non condividerlo?

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.