Come usare Google Flights per risparmiare sui voli aerei

Google Flights, o Google Voli, è uno strumento utilissimo per cercare voli, monitorare i prezzi e capire quando prenotare al momento giusto per risparmiare!

Utilizzarlo è molto semplice e la sua praticità lo rende un ottimo alleato per chi ama organizzare i propri vaggi completamente fai da te.

ℹ️ Leggi anche: Come organizzare un viaggio fai da te

Come usare Google Flights per risparmiare sui voli aerei

Cosa troverai in questa miniguida?

Cos’è Google Flights?

Google Flights—o Google Voli, nella strabiliante traduzione italiana che non usa nessuno—è uno strumento Google per la ricerca dei voli aerei. Nota bene: è uno strumento di ricerca, non una piattaforma per prenotazioni; questo significa che è possibile cercare e individuare la combinazione di voli più adatta a noi e possibilmente più conveniente, ma che per prenotare è necessario spostarsi sul sito della compagnia aerea o su altre piattaforme (come Booking, Expedia, ecc.).

Google Flights si rivela però molto, molto prezioso nel monitoraggio dei prezzi dei voli: è infatti possibile tracciare i cambiamenti di prezzo di determinati voli e determinate tratte in modo da prenotare al momento giusto per risparmiare.

ℹ️ Leggi anche: Come scegliere lo zaino da viaggio

Come usare Google Flights Menù prezzi dei voli monitorati
Il menù a sinistra permette di muoversi tra le varie sezioni, ma anche di cambiare lingua, Paese e valuta.

Come si usa Google Flights?

Non è necessario avere un account Google per poter utilizzare Google Flights, ma di certo è utile averne uno per poter ricevere le notifiche via e-mail delle variazioni di prezzo dei voli monitorati.

Google Flights è tra le Google apps del proprio account Google—iconcina in alto a destra in qualsiasi schermata Google o Gmail, accanto all’icona delle notifiche. In alternativa, si può accedere a Google Flights direttamente da qui.

Inizialmente Google Flights era un sito a sè. A metà 2019 ha subito alcuni cambiamenti e ora si ritrova a essere uno strumento all’interno di un sito più ampio, che possiamo chiamare Google Travel e che comprende altre due sezioni, una dedicata alla ricerca dell’hotel (chiamata appunto Hotel) e una dedicata alle guide turistiche (Explore o Esplora in italiano). Nella home del sito, ovvero la sezione Trips o Viaggi, è possibile sfogliare le informazioni sui viaggi prenotati per il futuro o su quelli già passati. Google estrapola tutte le informazioni sui nostri viaggi passati e futuri dalle e-mail di prenotazione che abbiamo ricevuto.

Nel menù a sinistra si possono trovare i link alle varie sezioni del sito. Aprendo il menù nascosto è però possibile vedere altre opzioni utili a personalizzare la propria esperienza di navigazione cambiando lingua, valuta o Paese; lo strumento più utile è però il monitoraggio dei prezzi dei voli.

ℹ️ Leggi anche: Come organizzare lo zaino da viaggio

La ricerca dei voli

La ricerca dei voli su Google Flights è abbastanza intuitiva e non è molto diversa da quello che si trova su un qualsiasi sito di prenotazioni, da Expedia a Skyscanner passando per i singoli siti delle compagnie aeree.

Si può però procede in modo diverso a seconda dei propri piani di viaggio: c’è una meta precisa o basta partire?

Come usare Google Filghts Ricerca voli
Nella scheda dei risultati di ricerca ci sono filtri e strumenti utili per trovare voli a prezzi più convenienti.
Quando si ha una meta ben precisa in mente

Quando la meta è chiara e precisa, allora si procede come si può facilmente intuire: si inseriscono aeroporto di partenza e arrivo, date di partenza e ritorno, numero di passeggeri, classe.

Al momento della selezione delle date di partenza e ritorno, si apre il calendario del mese corrente e di quello successivo, dove per ogni giorno è possibile vedere i prezzi più bassi per la tratta scelta. Attenzione però: prezzi molto bassi possono indicare voli con compagnie low-cost che non includono il bagaglio a mano, quindi è meglio aspettare di vedere la schermata successiva con le varie opzioni prima di cantare vittoria.

Nella pagina dei risultati è possibile affinare ancora di più la ricerca utilizzando gli appositi filtri—bagagli, scali, compagnie aeree, prezzo, orari di partenza e ritorno, aeroporti di scalo, durata del volo, biglietti separati.

Appena sotto i filtri si trovano invece alcune opzioni interessanti: griglia date e grafico dei prezzi, che aiutano a scegliere la combinazione di date più economica; aeroporti vicini, per vedere quali altri aeroporti si trovano nelle vicinanze della meta e se magari non costa meno volare lì.

Come usare Google Flights Ricerca date con calendario
Al momento della selezione delle date è possibile vedere anche il prezzo totale del viaggio.

ℹ️ Leggi anche: Vita, morte e miracoli del bagaglio a mano

Quando l’importante è partire e la meta passa in secondo piano

Se la meta non è poi così importante, allora la ricerca dei voli può partire dalla mappa, che si trova poco più sotto la maschera per la ricerca dei voli. Google Flights ci suggerisce infatti, a seconda della nostra posizione, alcuni viaggi che potrebbero interessarci e soprattutto ci permette, cliccando sulla mappa, di vedere gli aeroporti che è possibile raggiungere partendo da quello di scelta. Ma non solo: vedremo anche i prezzi dei voli—sempre quelli più bassi e probabilmente senza bagaglio incluso, ma comunque si riesce ad avere un’idea.

Una volta aperta la mappa, troviamo una serie di strumenti sulla sinistra: qui è possibile scegliere delle date di partenza e ritorno specifiche, o in alternativa indicare delle date flessibili—viaggio di una settimana nei prossimi sei mesi; viaggio di due settimane a novembre; week-end a febbraio. Il tutto oltre all’immancabile e mai trascurabile possibilità di indicare un budget di spesa per il proprio viaggio.

Spostandosi sulla mappa, in alto è possibile selezionare eventuali filtri per quanto riguarda scali, compagnie aeree, bagagli e durata del volo; e ovviamente anche muoversi per il globo alla ricerca delle mete più distanti. Zoomando sull’area di interesse si vedranno anche più aeroporti e più voli.

Una volta scelta la propria meta e cliccato sulla città di arrivo del volo, a sinistra appariranno alcune informazioni molto stringate sui voli che coprono quella tratta. Da lì, un link ci porta alla pagina di visualizzazione dei voli, dove potremo trovare più informazioni ed eventualmente proseguire per la prenotazione—esterna al sito!

Come usare Google Flights Ricerca su mappa
La ricerca sulla mappa è l’ideale quando non si ha una meta ben precisa in mente.

ℹ️ Leggi anche: I social e il viaggio: una storia dell’orrore

Monitorare i prezzi dei voli

Una volta scelte date e meta, si passa all’analisi dei vari voli per trovare l’opzione migliore. Prima di prenotare è però possibile monitotare i prezzi dei voli per vedere se cambiano a seconda del giorno della settimana. Ecco che entra in gioco uno degli strumenti più interessanti di Google Flights: la scheda dei Prezzi monitorati.

Nella pagina dei risultati di ricerca, quella con la lista dei voli che coprono la tratta d’interesse, appena prima dell’elenco dei voli appare una riga di testo con un pulsante per attivare una funzione specifica: Monitora prezzi.

Come usare Google Flights Monitora prezzi
Per monitorare i prezzi di una determinata tratta basta selezionare l’opzione Monitora prezzi.

Attivare questa funzione significa affidare a Google Flights il compito di tenere d’occhio i prezzi dei voli per la tratta e le date cercate e avvisare per e-mail eventuali variazioni di prezzo importanti. Le e-mail verranno inviate all’indirizzo Gmail collegato all’account Google utilizzato e conterranno aggiornamenti sulle variazioni di prezzo dei voli monitorati.

Nello stesso Google Flights c’è ovviamente una sezione apposta per monitorare i prezzi dei voli d’interesse: Prezzi monitorati dal menù a sinistra; qui si trova un elenco di tutte le tratte che Google Flights sta controllando. Per ogni tratta sarà possibile visualizzare un grafico con le variazioni che i prezzi dei voli hanno subito dal momento in cui quella tratta è stata inserita tra quelle da monitorare.

In questo modo diventa piuttosto facile trovare il momento giusto per prenotare i voli e risparmiare!

Come usare Google Flights Prezzi monitorati
La cronologia dei prezzi monitorati aiuta a capire quando i prezzi salgono e quando scendono.

Prenotare i voli

Dopo aver scelto la meta e le date e dopo aver monitorato i prezzi, si può passare alla prenotazione dei voli.

Nella pagina dei risultati di ricerca si seleziona prima il volo di andata e in seguito, nella pagina successiva, quello di ritorno: esattamente come per un qualsiasi sito di prenotazioni. A differenza di alcuni siti di prenotazioni, Google Flights offre alcune informazioni utili sui voli, come lo spazio per le gambe e la presenza o meno di una presa USB sui sedili.

Una volta selezionati il volo di andata e quello di ritorno, appare un’ultima pagina riassuntiva, dopodiché si passa alla prenotazione vera e propria, che però non potrà avvenire su Google Flights. In molti casi c’è infatti un link per prenotare i voli scelti direttamente sul sito della compagnia aerea; altre volte, meno spesso, si trova la dicitura Chiama la compagnia aerea accompagnata da un numero di telefono, o in alternativa un link per cercare un’agenzia di viaggi su Google e prenotare tramite agenzia.

Google Flights non sarà un sito di prenotazioni, ma come strumento per monitorare i prezzi dei voli che si intende prenotare non se la cava affatto male. In questo modo possiamo cercare di bloccare migliori, risparmiare sul volo e poi ovviamente spendere di più in cibo una volta raggiunta la nostra meta!

Come usare Google Flights Voli di andata migliori
Le varie opzioni per i voli forniscono spesso informazioni anche sullo spazio per le gambe.

Questo articolo è stato pubblicato originariamente nel mese di febbraio 2019 ed è stato aggiornato nel mese di ottobre 2019.


Se non vuoi perderti neanche un articolo, iscriviti alla newsletter! Non dimenticare di seguirmi anche su Facebook e su Instagram! E se ti è piaciuto questo articolo, perché non condividerlo?

Cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.