Camminare con gli Dei: la prima e la seconda tappa della Via degli Dei

La Via degli Dei è un antico cammino di circa 130 km che va da Bologna a Firenze.

Nell’articolo precedente a questo ci sono l’itinerario e qualche dritta su come meglio prepararsi ad affrontarlo.

Verso Monzuno sulla Via degli Dei
Campi gialli in zona Monzuno.
Prima Tappa

10 agosto 2017

Bologna – Badolo

Distanza percorsa: 25 km circa (calcolata dal GPS in base al percorso che abbiamo fatto noi)

Durata: 7 ore e mezza circa (compreso acquazzone e attesa che spiovesse sotto una tettoia)

Il cammino

La prima parte è tutta sotto i portici fino al Santuario Madonna di San Luca. Dopo aver superato il Santuario e aver ridisceso la collina dall’altra parte si passa per un grande parco in piano che costeggia il fiume Reno. Qui il sentiero non era tenuto molto bene e siamo state divorate dai tafani.

Sentiero verso Madonna dei Fornelli sulla Via degli Dei
Il sentiero verso Madonna dei Fornelli.

Poi si risale e si cammina un po’ sull’asfalto, prima di prendere il sentiero per i Prati di Mugnano. Qui un altro camminatore ci ha consigliato di seguire il sentiero più panoramico (con partenza davanti al ristorante I Prati di Mugnano), che poi si ricongiunge con la Via degli Dei.

Dopo aver percorso un pezzetto di strada nel bosco, abbiamo trovato un cartello che indicava che mancavano 2 km al B&B Nova Arbora, vicino alla nostra prima tappa, ma sono sembrati molti di più! Per raggiungere il nostro B&B abbiamo dovuto percorrere ancora un po’ di strada su asfalto, dove siamo state sorprese da un acquazzone (proprio dieci minuti prima di arrivare al riparo). Siamo arrivate al B&B fradice, ma per fortuna poi è uscito ancora il sole ed è asciugato tutto.

L’alloggio

Il nostro B&B era La Casetta di Badolo, proprio sotto l’Antica Hostaria della Rocca di Badolo. Abbiamo preso due camere doppie con colazione per 30€ a testa; inoltre è possibile cenare con un menu fisso a 20€ (aperitivo, antipasti, primo, secondo, contorno, vino, acqua, caffè e amaro) oppure anche ordinare un piatto solo a un prezzo onesto.

L’ambiente è molto casalingo, le nostre camere erano pulite, ma altri due ragazzi che hanno alloggiato lì la stessa notte hanno detto che nel loro letto c’erano le cimici. Il giardino era un po’ sottosopra perché lo stavano sistemando, ma si gode di un bel panorama. Il proprietario sembra il personaggio di un film.

La posizione non era proprio ottimale, visto che il B&B si trova a una ventina di minuti dal sentiero. In teoria di lì passa il sentiero della Via degli Dei per le mountain bike, che poi si ricongiunge con l’altro, ma il nostro tentativo di seguirlo il giorno dopo è stato fallimentare e abbiamo dovuto tornare indietro. Camminando siamo passate davanti al B&B Nova Arbora, che invece si trova esattamente sul sentiero.

Campi verso Madonna dei Fornelli sulla Via degli Dei
In cammino verso Madonna dei Fornelli
Seconda Tappa

11 agosto 2017

Badolo – Madonna dei Fornelli

Distanza percorsa: 32 km circa (incluso il tratto di sentiero sbagliato)

Durata: 10 ore (comprese pausa a Monzuno e pausa pranzo)

Il cammino

Questo giorno abbiamo iniziato male perché abbiamo provato a prendere la via delle mountain bike, che però ci ha portati su un sentiero a mezza costa poco agibile (probabilmente anche a causa dell’acquazzone del giorno prima) e dopo un po’ abbiamo deciso di tornare indietro e di prendere il sentiero che parte davanti al B&B Nova Arbora.

Così abbiamo perso più di un’ora e abbiamo quindi deciso di evitare la deviazione che ci avrebbe portate su Monte Adone, dal quale si deve godere di un’ottima vista. Da Monte Adone a Monzuno c’è un bel tratto di asfalto abbastanza esposto. In alcuni punti dei sentieri costeggiano la strada: magari sono meno diretti ma di certo sono meglio per i piedi.

Madonna dei Fornelli sulla Via degli Dei
Madonna dei Fornelli.

In seguito ci è stato detto che alcuni camminatori preferiscono evitare questo pezzo prendendo il bus fino a Monzuno, il che non è una cattiva idea. Probabilmente avrebbe più senso salire in cima al Monte Adone e poi prendere il bus, piuttosto che evitare la deviazione per non perdere tempo e poi farsi tutta la strada asfaltata.

A Monzuno ci sono alcuni bar e negozi dove ci si può rifocillare. Noi abbiamo preso dell’affettato alla salumeria/macelleria Zivieri, famosa per il prosciutto affumicato con il legno di tiglio (poi ci è stato detto che non lo producono più loro, però vale comunque la pena di assaggiarlo). Lì davanti c’è anche un panettiere, quindi una combo perfetta per farsi dei panini!

Dopo Monzuno per fortuna non c’è più asfalto, ma manca ancora metà strada circa. Si fa una ripida salita per raggiungere un bellissimo castagneto, perfetto per fare una pausa. Da qui in poi c’è ben poca salita, si prosegue fino a Monte Galletto, dove ci sono alcune pale eoliche molto sceniche, e poi è tutta discesa fino a Madonna dei Fornelli. Una discesa che sembra infinita, ma la vista merita davvero.

L’alloggio

Abbiamo dormito all’Albergo Ristorante Poli, che si trova al centro di Madonna dei Fornelli ed è proprio sulla Via degli Dei. Avevamo prenotato una quadrupla con colazione per 75€ (in realtà poi ci hanno dato due doppie), poi abbiamo anche fatto un aperitivo e cenato lì. In totale abbiamo speso 30€ a testa e ci siamo trovate benissimo: le camere erano piccole ma pulite, la cena ottima, il proprietario Michele è davvero simpatico e disponibile e ci ha rassicurate sulla difficoltà della terza tappa. Ci ha anche regalato un ago per le vesciche! A fianco dell’albergo c’è un piccolo negozio di alimentari, oppure si possono richiedere dei panini per il giorno dopo direttamente in albergo per pochi euro.

 

Giulia Frigerio

Il viaggio prosegue nel prossimo articolo!

 

BONUS: cosa mettere nello zaino per percorrere la Via degli Dei?

 

Checklist zaino per la Via degli Dei

Puoi scaricare questa meravigliosa checklist per preparare lo zaino per la Via degli Dei qui!


Se non vuoi perderti neanche un articolo, iscriviti alla newsletter! Non dimenticare di seguirmi anche su Facebook e su Instagram! E se ti è piaciuto questo articolo, perché non condividerlo?

Cosa ne pensi?